x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

Via normale della Cima Grande di Lavaredo

Vista sulle Tre Cime di Lavaredo in Alta PusteriaLe Tre Cime di Lavaredo sono considerate un tesoro naturale unico all'interno del Patrimonio Naturale dell'Umanità UNESCO Dolomiti. Scalate per la prima volta nel XIX secolo, oggi le Tre Cime sono un affascinante paradiso per alpinisti. Particolarmente bella è anche l'arrampicata sulla Cima Grande, lungo la via normale.

Quasi 3.000 m, 2.999 m per la precisione: questa l'altezza della Cima Grande. Chi vuole scalare la Cima Grande non deve soffrire di vertigini e disporre di alcune nozioni di arrampicata libera. Se accompagnati da una guida alpina, questo percorso di arrampicata è relativamente facile da affrontare anche per chi solitamente si dedica alle escursioni in montagna. Per questa scalata servono una fune da 60 m, equipaggiamento da arrampicata, fettucce e rinvii.

Via ferrata sulla Cima Grande di LavaredoVista sulla Cima Grande di Lavaredo nelle DolomitiVia normale della Cima Grande di Lavaredo nella regione turistica Alta Pustertia

Partendo dal Rifugio Auronzo, che si raggiunge dal Lago di Misurina lungo la strada a pedaggio, camminate in direzione del Rifugio Lavaredo. All'altezza della cappella seguite un sentiero poco evidente fino nel canale che divide la Cima Piccola dalla Cima Grande. L'accesso alla via normale si trova all'inizio di una marcata rampa sulla parete dello strapiombo nord.

La rampa di accesso porta dentro una fessura a camino, dove potete scegliere tra due varianti. Il camino porta dritto alla 1a forcella, oppure si arrampica più facilmente sulla parete sinistra fin su alla forcella, che si trova tra la parete sud e uno spuntone piramidale.

Attraverso una fessura lasciate la forcella e salite su una piccola terrazza. Alla fine di un ampio canale raggiungete la 2a forcella. In seguito attraversate una gola di detriti e dentro la gola salite in alto fino alla 3a forcella.

A destra si trova una parete ripida con buona presa, lungo cui vi lasciate alle spalle la forcella. Lungo una stretta cengia detritica e alcune rampe si raggiungono due targhe commemorative. Scegliete uno dei tre canali e arrampicatevi. Voltate a sinistra su cenge detritiche, fin dentro una fessura, che in alto sfocia in una lastra di roccia fortemente inclinata. Arrampicate sul pilastro vicino alla fessura.

Dopo ca. 50 m sulla destra si trova il punto chiave del percorso di arrampicata: un camino liscio come uno specchio e quasi senza appigli. Dopo questo punto si trova una parete ripida, dalla quale si esce e si arriva ad un anello di ancoraggio e ad una stretta cengia.

Andate a sinistra, attraversate una piccola conca e arrampicate fino ad una cengia esposta passando per un intaglio. Continuate a seguire questa cengia circolare a sinistra fino ad un uomo di pietra, fino a che non vedrete chiare tracce di scalata in direzione della vetta. Seguite un camino breve e liscio verso l'alto, al cui termine segue un fessura. Dopo la fessura proseguite a destra ed attraversate un blocco liscio (detto “blocco cattivo”). Segue un breve intaglio, poi infine un canale gradinato porta in vetta.

La discesa segue a ritroso lo stesso percorso della salita con alcuni punti, dove si scende in corda doppia.

Consiglio: il periodo migliore per percorrere la via normale della Cima Grande nelle Dolomiti di Sesto è tra metà giugno e inizio ottobre.

Interessante: la Cima Grande fu scalata per la prima volta già nel 1869. L'alpinista viennese Paul Grohmann raggiunse la vetta il 21 agosto di quell'anno con le guide Franz Innerkofler e Peter Salcher.

Altri suggerimenti che possono interessarvi:

Via ferrata degli Alpini nelle Dolomiti di Sesto
Via ferrata degli AlpiniQuesta via ferrata porta attraverso le Dolomiti di Sesto ...
di più
Meteo
MeteoQui trovate previsioni meteo aggiornate ...
di più
Vista sul Sass de Putia
Patrimonio NaturaleAnche le Dolomiti ne sono parte dal 2009 ...
di più
OK