x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

Consigli per maggiore sicurezza nei percorsi in vetta in Alta Pusteria

Consigli per maggiore sicurezza nei percorsi in vetta

Consigli per maggiore sicurezza nei percorsi in vetta I percorsi in alta montagna si svolgono a quote piuttoste elevate, il che rappresenta uno sforzo per l'organismo e la circolazione. Per questo è di fondamentale importanza informarsi sempre al meglio prima di partire e pianificare accuratamente il percorso.

Alcuni consigli sono da tenere presenti sia in fase di preparazione del percorso sia durante l'ascensione vera e propria. A questo proposito il Club Alpino Italiano (CAI) e l“Alpenverein” (Club Alpino Sudtirolese)  hanno stilato una lista di 10 consigli:

  1. Salute, forma fisica e cognizione di causa
    Prima di intraprendere un'ascensione in vetta si raccomanda di essere in ottima salute psicofisica, perché il percorso rappresenta un enorme sforzo per il cuore e la circolazione. Sopravvalutare le proprie capacità o sottovalutare la portata del percorso è spesso causa di incidenti.
     
  2. Tempi di acclimatamento
    Durante un percorso in vetta si sale a quote più alte di quelle a cui si vive normalmente. Dai 2.500 m in su, il corpo ha bisogno di un certo tempo per adeguarsi alla quota. Per questo la quota dove si dorme deve sempre essere più bassa della quota massima raggiunta durante il giorno; il dislivello giornaliero inoltre non deve superare 400-600 m.
     
  3. Pianificazione del percorso
    La pianificazione accurata del percorso è fondamentale. Oltre alle mappe e agli esperti, anche su Internet ci si può informare su lunghezza, dislivello, condizioni aggiornate del tempo e difficoltà. Prima della partenza consultate sempre un'ultima volta il bollettino meteo perché la pioggia, i rovesci, il vento e il freddo alzano il rischio di incidente in alta montagna.
     
  4. Equipaggiamento
    Prima di partire è necessario controllare che l'equipaggiamento sia completo. Il peso dello zaino deve essere ridotto. Importanti in caso di emergenza sono kit di primo soccorso, sacco da bivacco, lampada frontale e telefono cellulare completamente carico. Funi, casco, ramponi e piccozza prevengono le cadute e proteggono dalla caduta massi. Non sottovalutate la radiazione UV e mettete nello zaino anche occhiali da sole e crema solare. Ma non deve mai mancare l'abbigliamento caldo.
     
  5. Pause regolari
    Liquidi e cibo sono importanti per rimanere concentrati, le pause aiutano a riprendere energia. Le bevande isotoniche e i succhi di frutta sono ottimi per combattere la sete, mentre le barrette di cereali, la frutta secca e i biscotti calmano la fame e forniscono energia.
     
  6. Esercitate le tecniche di cordata e di sicurezza
    Durante i percorsi in vetta si attraversano ghiacciai, crinali rocciosi, versanti ghiacciati e il «firn», per cui è necessario padroneggiare le tecniche di sicurezza giuste. Speciali tecniche di salvataggio possono salvare la vita in caso di emergenza. La pratica regolare rimane però indispensabile!
     
  7. In cordata su ghiacciai
    In caso di caduta in una crepaccio, la cordata può evitarvi di precipitare. Per questo, soprattutto quando si attraversa un ghiacciaio d'estate, legarsi in corda è una pratica standard. Attenzione però al rischio di trascinamento. Fissatevi sempre a punti ben saldi sui terreni ripidi, altrimenti la caduta di un membro della cordata può far precipitare tutto il gruppo.
     
  8. Orientamento
    Su terreni senza percorsi tracciati o anche sui ghiacciai orientarsi è difficile. Per questo è necessario saper usare bene mappe, altimetri, bussole e GPS. Si consiglia di tornare indietro per tempo in caso di scarsa visibilità.
     
  9. Attenzione a caduta massi e cadute nei crepacci
    Quando un ghiacciaio si ritira, quando le neve si scioglie e si supera la soglia dello zero termico, aumenta anche il pericolo di caduta massi e caduta nei crepacci. Per questo bisogna osservare alcune regole: scegliere un percorso adeguato, partire presto, ritornare per tempo.
     
  10. Rispetto per l'ambiente
    Rispettate la natura, in altre parole: non lasciatevi alle spalle rifiuti, evitate i rumori, lasciate intatte le piante e rispettate le aree protette.

Altri suggerimenti che possono interessarvi:

Hotel per escursionisti
Hotel per escursionistiPer la vostra vacanza perfetta in Alta Pusteria ...
di più
Meteo
MeteoPer non avere spiacevoli sorprese ...
di più
Vie ferrate
Vie ferrateScoprite le vette delle Dolomiti di Sesto ...
di più